LA NOSTRA STORIA Era   una   sera   fredda   e   la   nebbia   ricopriva   il   paese   quando   il   13      novembre   1993   nove   amici   si ritrovarono   in   un   ufficio   notarile   e   fondarono   l’Associazione   Volontaria   per   la   Protezione   Civile ICARO. La   legge   225   del   24   febbraio   1992   da   poco   tempo   era   entrata   in   vigore   e   quindi   si   può   senza dubbio     affermare     che     l’Associazione     si     è     costituita     agli     albori     della     Protezione     Civile “regolamentata”.   Lo   scopo   per   cui   queste   persone   diedero   vita   a   questo   gruppo   era   quello   di portare   aiuto   alle   persone   colpite   da   calamità   o   comunque   bisognose   di   soccorso.   Si   fecero delle   raccolte   fondi   interne   per   dotarsi   di   un   minimo   di   abbigliamento   decente.   I   Volontari vennero   iscritti   presso   i   ruolini   prefettizi   per   godere   di   un   minimo   di   riconoscimento   giuridico. Successivamente   si   inoltrò   la   domanda   per   l’iscrizione   all’Albo   Regionale   del   Volontariato   che   si ottenne   con   Decreto   del   Presidente   della   Giunta   Regionale   n°   175   del   01   marzo   1994.   Questa iscrizione,   secondo   la   Legge   266/1991   consentiva   all’Associazione   di   stipulare   convenzioni   con gli   Enti   Pubblici   e   quindi   cominciare   ad   avere   sostegni   e   contributi   esterni,   oltre   ad   essere   esenti da   qualsiasi   imposta   di   bollo   e   di   registro.   L’associazione   ,   pochi   mesi   dopo   la   sua   costituzione   si iscrisse   e   aderì   al   Coordinamento   Provinciale   del   Volontariato   di   Protezione   Civile   della   Provincia di   Reggio   Emilia.   Fummo   subito   coinvolti   in   attività   di   Protezione   Civile   nella   primavera   del   1994 con   una   piena   “morbida”   del   fiume   Po.   Piena   che   fu   invece   di   portata   rilevante   nel   novembre del    1994    dove    l’Associazione    partecipò    attivamente    presso    tutti    i    comuni    rivieraschi    della Provincia   che   si   affacciano   sul   grande   fiume.   Ci   si   muoveva   con   auto   private   e   i   Volontari   si pagavano   tutto,   compresa   l’assicurazione   personale   obbligatoria   per   infortunio   e   responsabilità civile   verso   terzi.   Nel   1995,   grazie   alla   prima   convenzione   con   il   comune   di   Correggio,   arrivarono   i primi   finanziamenti   e   un   contributo   regionale   per   l’acquisto   di   una   piccola   pompa   da   usare   in caso   di   allagamenti.   Fu   poi   acquistata   la   prima   Fiat   Campagnola   che   era   il   primo   automezzo   di proprietà    dell’Associazione.    Il    9    giugno    1995    fummo    iscritti    al    Registro    delle    Associazioni    di Volontariato   presso   il   Dipartimento   Nazionale   della   Protezione   Civile.   Nel   1996,   il   sisma   in   Emilia che   colpì   duramente   il   nostro   territorio   mise   a   dura   prova   le   capacità   operative   del   gruppo   i   cui Volontari   furono   impegnati   per   settimane   successive   all’evento.   Tutti   si   presero   le   ferie   per   poter oprare   in   quanto   il   D.P.R.   194/2001   non   esisteva   e   vi   era   molta   confusione   per   le   richieste   di rimborso   e   di   tutela   del   posto   di   lavoro.   Dall’esperienza   e   ottimo   lavoro   svolto   durante   il   sisma   del 1996,    arrivarono    altri    finanziamenti    che    consentirono    di    acquistare    mezzi    e    attrezzature    per raggiungere   gli   scopi   statutari.   Negli   ani   seguenti   i   nostri   volontari   sono   stati   impegnati,   per   citare le    grandi    calamità,    nell’emergenza    sismica    Umbria    –    Marche    del    1997,    nella    Missione Arcobaleno   Italia   -   Albania   del   1999,   nella   grande   piena   del   fiume   Po   del   2000,   nel   sisma   in Molise   del   2002,   nelle   esequie   di   Sua   santità   Giovanni   Paolo   II   del   2005,   nel   grande   concerto   del cantautore    Luciano    Ligabue    a    Reggio    Emilia    del    2006,    nel    sisma    in    Abruzzo    del    2009, nell’alluvione   in   Liguria   e   Toscana   del   2001   e   nel   sisma   Emilia   2012.   In   tutte   queste   situazioni   i Volontari     di     ICARO     si     sono     sempre     comportati     con     grande     generosità,     impegno     e professionalità.    Oltre    questi    grandi    eventi,    i    Volontari    dell’Associazione    sono    sempre    stati impegnati   nelle   emergenze   a   livello   locale,   provinciale   e   regionale   per   allagamenti,   trombe d’aria,   grandi   nevicate,   ricerca   persone   scomparse,   frane   ecc.   Si   è   sempre   partecipato   anche a   tutte   le   Esercitazioni   organizzate   a   livello   locale,   provinciale   e   regionale   sulle   tematiche   di Protezione    Civile.    Intanto    l’Associazione    cresceva,    entrava    in    modo    sempre    più    deciso    e competente   nel   tessuto   sociale   del   territorio   al   punto   che   fu   aperta   nel   2006,   in   occasione   del decennale    del    sisma    1996,    la    nuova    centrale    operativa    presso    i    magazzini    comunali    di Correggio.   La   convenzione   con   il   Comune   di   Correggio   è   stata   sostituita   con   quella   in   essere con   l’Associazione   Comuni   Pianura   Reggiana   che   raggruppa   i   comuni   di   Campagnola   Emilia, Correggio,   Fabbrico,   Rio   saliceto   Rolo   e   San   Martino   in   Rio.   Comuni   ai   quali   ICARO   ha   sempre dato   una   risposta   in   caso   di   necessità,   soprattutto   al   Comando   di   Polizia   Municipale.   I   mezzi   e   le attrezzature   di   proprietà   e   a   disposizione   di   ICARO   hanno   assunto   una   valenza   e   importanza   tale che   la   collaborazione   con   il   Comando   Provinciale   dei   Vigili   del   Fuoco,   da   sempre   ottima,   è diventata   più   frequente   e   mirata   per   le   varie   tipologie   di   rischio.   Attive   anche   le   collaborazioni con   l’Arma   dei   Carabinieri   e   la   Guardia   di   Finanza   a   livello   locale.   Allo   stato   attuale   i   Volontari iscritti sono 98 di cui 45 operativi e formati secondo le normative vigenti.
Atto di costituzione